Esotropia Essenziale Infantile

Rappresenta la forma di esotropia più frequente ad esordio precoce. Caratteristiche peculiari:

esotropia a grande angolo

esordio precoce

difetto refrattivo non significativo

deficit di abduzione

associazione con DVD

nistagmo latente

La terapia occlusiva pre-operatoria mira a determinare l’alternanza di fissazione, ottenuta la quale e’ proponibile l’intervento.

La recessione generosa dei retti mediali (6-7 mm), associata alla recessione della congiuntiva fornisce, nella personale esperienza, risultati soddisfacenti.

 

Esotropia Accomodativa

E’ quella deviazione che viene corretta completamente correggendo il vizio rifrattivo. Non vi e’ alcuna indicazione alla chirurgia.

Esotropia da alterato rapporto ac/a

La correzione del vizio refrattivo corregge completamente l’angolo per distanza, mentre residua un angolo per vicino.

In questi casi e’ proponibile l’uso temporaneo di lenti bifocali o multifocali

 

Esotropia parzialmente accomodativa

E’ quella deviazione che viene corretta solo parzialmente correggendo il vizio rifrattivo, cioè gli occhiali riducono ma non eliminano l’angolo di deviazione. Vi e’ indicazione alla chirurgia, limitatamente all’angolo residuo.

Esotropia parzialmente accomodativa: la correzione ottica riduce in parte l’angolo di deviazione

Esotropia intermittente ed Esotropia da scompenso di esoforia

Le due forme sono spesso difficili da differenziare: infatti in entrambe la deviazione non e’ costante; dopo aver verificato e corretto un eventuale  vizio rifrattivo la terapia sara’ chirurgica con prognosi in genere soddisfacente

 

Esotropia concomitante acuta

Ad esordio tardivo, associata a diplopia, ha solitamente prognosi favorevole con correzione chirurgica

Esotropia normosensoriale tardiva

Per definizione ad insorgenza tardiva, ha solitamente prognosi favorevole con correzione chirurgica

Esotropia sensoriale

Consecutiva alla perdita o alla marcata riduzione della funzione visiva per cause malformative, traumatiche o di altra natura; la chirurgia in questi casi risponde ad una esigenza estetica del paziente

 

Esotropia sensoriale associata a d.v.d. in microftalmo e cataratta congenita nell’OD

Esotropia  sensoriale in microftalmo e vitreo primario iperplastico nell’OD

Microesotropia più comunemente definito Microstrabismo

Caratteri distintivi sono:

  • Angolo minimo talvolta difficilmente rilevabile
  • Anisometropia
  • Ambliopia profonda

Non vi sono indicazioni per la chirurgia

Pagine precedente